Nivea Disage

navigando

Grazie alla democratizzazione della Comunicazione oramai ogni strunz è marenar e tutti hanno uguale diritto e “libertà” di esprimere tutto su tutto, e ciò, a mio modesto parere, ricreerà un sistema di caste, di ghetti, di lazzaretti nei quali finiremo per rinchiuderci pur di non incontrare l’umanità brutta che sta fuori, che poi, non è fuori ma su uno schermo, che poi, non è neanche l’umanità, bensì una proiezione di quello che le persone vogliono comunicare all’esterno, la qual cosa rende ancora più inquietante lo scenario, giacché, se si  proietta fuori il “meglio di sè” che assurda lozza e monnezza c’è dentro?

Paura.

Ma io non voglio assolvermi, no. Io sono parte dell’ingranaggio, io ho peccato più e più volte, io sono parte del problema. Io sono nel problema. Io ho il problema.

In effetti, già prima delle nuove tecnologie, ero una sproloquiatrice professionista, ben prima di tutto questo marasma ero la Regina del fuori luogo, la Contessa della parola di troppo, l’eroina delle verità assolute non richieste.

E’ sempre stato così, ho una valanga di parole dentro e non posso farle morire dentro di me,  e allora tiè muori tu che le ricevi! mors tua vita mea, scusa non è per cattiveria…

Ad ogni modo, tornando a bomba, io non ho paura di essere invisa,  anzi, trovo un certo sconcertante piacere nell’essere schifata, sarà una brutta sensazione ma è quantomeno frutto di un emozione, che per carità è una emozione di merda, però almeno si muove dentro, e muoversi fa bene, senti a me, senti al personal trainer, che è settembre e ci dobbiamo mettere in forma, basta birrini, basta carboidrati e andiamo tutti a yoga, che poi con lo yoga manco ti muovi ma impari a respirare, e allora uno due e tre Inspira – Espira! (waa so proprio portata nell’arte del respirare).

Ecco sono uscita di nuovo fuori tema, cosa volevo dire? ah si Certo, me la stavo prendendo con il web, con la gente, con l’universo mondo, quindi, tornando al disagio, io voglio ergermi a gallo sulla monnezza e redarguire i naviganti parlanti, con albagia, una fraccata di albagia, un monte di albagica albagia.

Perché cari, io alla prossima tag #top #bomb #xxx #f4f #summervibes #lavitaèbella  mi faccio venire le mosse, inizio a schiumare dalla bocca e a mordere i passanti trasmettendogli la rabbia.

Alla prossima invettiva contro ignoti relativa a potenziali invidie, o cattiverie subite, o alle amabili dichiarazioni su come si sia superiori rispetto agli altri io giuro che commento, con l’unico e definitivo commento possibile: “ma chi te se ‘ncula”.

Ecco, questo palcoscenico ci ha dato alla testa, veramente pensiamo di essere così speciali e unici? veramente pensiamo di avere un sintomatico mistero tale da suscitare invidia nel prossimo?

Ci stiamo rendendo conto che siamo na maniata e sciem attaccati ad uno schermo a farci stronziare da altri scemi come noi. A pensare di poter mandare messaggi nell’etere direzionati ad altri noi parcellizzati in pc, smartphone e tablet, altri noi che stanno pensando a diosolosacosa, ma non a noi, sicuramente non a noi, altrimenti sarebbero con noi.

La tristezza proprio.

E quindi che aggiungere ancora? dobbiamo ancora aggiungere? perché non sottraiamo? perché non ci sottraiamo?

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...